[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Primo risultato utile della stagione per la Formazione Cadetta. La squadra di Pevere e Montorfano, impegnata nel quinto turno della serie C1 (Girone A, Poule 1), ha strappato un più che positivo e lusinghiero pareggio (24 a 24) sul peraltro difficile campo dei Grifoni di Oderzo. Un segnale decisamente confortante. La squadra c’è: deve solo acquisire confidenza nei propri mezzi e recuperare qualche giocatore importante.

Un risultato d’altri tempi, invece, per la formazione Under 18, che con i coetanei del Casale sul Sile ha pareggiato la partita con un insolito 0 a 0. “Personalmente non mi era mai capitato, né da giocatore, né da allenatore”, ricorda coach Maurizio Teghini. Una partita dai due volti: nel primo tempo dominio pressoché assoluto del Casale con i bianconeri bravi solo a difendere e in generale una marea di errori da entrambe le parti. Nella ripresa l’esatto contrario: un assedio udinese alla metà campo veneta, per non dire all’area dei 22. “Abbiamo sprecato tanto per errori individuali ed eccesso di egoismo – spiega lo stesso Teghini – siamo ancora distanti dal nostro target, che è quello di diventare una vera squadra, dove ogni elemento gioca per l’altro”. Domenica prossima difficile trasferta a Valpolicella, mentre diversi bianconeri saranno convocati mercoledì a Pordenone per un test della rappresentativa FVG contro una del Veneto.

Ancora una sconfitta per l’Under 16 ( a cui è dedicata la vetrina fotografica odierna. Foto di Mattia Carlevaris), che a Bassano deve cedere 14 a 5. La strada è ancora lunga ed in salita per il team dei coach Robuschi e D’Andrea, ma le potenzialità sono notevoli: si tratta solo di lavorare duramente con entusiasmo e voglia di apprendere e di migliorarsi.

[/vc_column_text][us_grid columns=”4″ img_size=”us_600_400_crop” post_type=”attachment” items_quantity=”” images=”10561,10562,10563,10564,10565,10566,10567″ orderby=”post__in” items_gap=”” items_layout=”gallery_default” overriding_link=”popup_post_image” breakpoint_1_cols=”4″ breakpoint_2_width=”768px” breakpoint_3_width=”480px” breakpoint_2_cols=”4″ breakpoint_3_cols=”2″][us_separator height=”20px” size=”custom”][vc_column_text]

E mentre l’Under 14 è rimasta a riposo, ancora grandi soddisfazioni sono arrivate dal festoso “esercito” del Mini-Rugby.

L’Under 6 è stata impegnata in un concentramento con gli amici del Pasian di Prato e dell’OverBugLine Codroipo. Tutti i piccoli atleti, da poco nel mondo del rugby, hanno dimostrato grande partecipazione e grinta. Grandi progressi dal punto di vista dei gesti tecnici fondamentali; migliorabile la continuità delle singole azioni. Buon affiatamento di squadra e tanta voglia di giocare, di conseguenza tante soddisfazioni all’orizzonte!

[vc_video link=”https://www.youtube.com/watch?v=umSY7OG6gnk” video_title=”1″]
[us_separator height=”1px” size=”custom”]

Under 8, 10 e 12 erano invece al concentramento che si è tenuto in Ghirada, la cittadella dello sport, quartier generale della Benetton Treviso.

L’Under 8 ha affrontato con molta grinta le squadre della Benetton, del Cus Padova e del San Donà, facendo vedere placcaggi e gioco di squadra, ma sono emerse anche un po’ di lacune su cui bisognerà lavorare negli allenamenti in modo di farsi trovare super pronti ai prossimi appuntamenti.

Per l’Under 10 è stato un concentramento molto formativo. I bianconeri si sono presentati con 2 squadre che hanno affrontano le formazioni di Silea, Cus Padova, Benetton e San Donà, collezionando entrambe una vittoria e due sconfitte. Ma al di là del risultato sono emerse diverse note positive; da un lato la tenacia e la grinta nell’affrontare formazioni fisicamente superiori e dall’altro buone risposte dal punto di vista offensivo, aspetto sul quale si era lavorato in queste ultime due settimane. Raggruppamenti di questo livello aiutano a far crescere la squadra e la solidità del gruppo.

Giornata estremamente positiva anche per l’Under 12, che giocando contro 3 delle compagini più evolute e competitive del veneto non ha sfigurato, ma al contrario ha dimostrato il proprio valore. La crescita dei ragazzi è esponenziale sia dal punto del vista tecnico, fisico, ma sopratutto attitudinale.

[/vc_column_text][vc_column_text]Per l’Ufficio Stampa: Piergiorgio Grizzo[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]