Primo acuto dell’U18, segnali lusinghieri dall’U16, U14 a valanga

Prima vittoria per l’Under18 bianconera che esce vincitrice dal difficile campo di Valpolicella per 28 a 15. Difficile per il valore degli avversari, ma anche per le condizioni meteo e per il conseguente terreno pesante. “Abbiamo sviluppato un bel gioco offensivo e multifase – racconta il coach Maurizio Teghini – meglio nella prima frazione che nella seconda. In difesa invece non siamo stati sempre così puntuali e nel finale abbiamo concesso troppo. Comunque finalmente si è visto che la squadra sta uscendo da quella situazione di inconsapevolezza dei propri mezzi che la attanagliava”. Prossimo impegno domenica 12 novembre alle 14 in casa con il Badia.

Segnali positivi, nonostante la sconfitta, anche dall’Under 16 (protagonista dell’album fotografico che pubblichiamo qui, opera di Mattia Carlevaris). Al “Gerli” la squadra di Robuschi e D’Andrea ha dovuto cedere alla Monti Rovigo per 15 a 25, ma di lusinghiero c’è che finalmente si è vista in campo una vera squadra. “Abbiamo lottato su ogni pallone e sfidato a viso aperto i nostri avversari – è il commento di Ricky Robuschi – un grande miglioramento sotto il profilo dell’approccio mentale. L’unica differenza è che, quando sbagliamo noi, gli altri segnano sempre, mentre noi manchiamo ancora di cinismo quando sbagliano loro. Bicchiere mezzo pieno per la crescita generale della squadra. Da migliorare qualche errore individuale e la disciplina”.

Senza problemi l’Under 14 che, sempre al “Gerli”, ma il sabato sera, come consuetudine per la categoria, è stata protagonista di un monologo assoluto contro il Venjulia Trieste, travolto 108 a 0 (18 mete a 0).

Nonostante le assenze di alcuni giocatori, Udine ha dominato per l’intera partita. “Le reazioni del Venjulia sono state tutte bloccate sul nascere, anche se alcune belle iniziative personali potevano essere pericolose – spiega Riccardo Cittaro che allena i giovani bianconeri insieme a Francesco Barella e Pietro Rigutti – Il reparto dei tre quarti, anche se rimaneggiato, è stato un vero motore per l’intera squadra spingendo per tutta la durata della partita. E comunque, anche a risultato raggiunto, i ragazzi non ha mai tirato i remi in barca, mantenendo concentrazione e pressione sull’avversario. Ottimi riscontri anche dai nuovi giocatori: il lavoro fatto finora ci sta ripagando sul campo”.

Il Venjulia Trieste si è però preso la rivincita con le formazioni Seniores in C1, dove i triestini hanno superato sul campo di Prosecco la nostra formazione Cdetta per 47 a 5.

Per l’Ufficio Stampa: Piergiorgio Grizzo

,
Notte fonda al “Gerli”, il Petrarca si impone a 36 a 6
I “cuccioli” del Mini-Rugby protagonisti del primo “Rugby Day”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu

Questo sito web utilizza cookies per garantire il corretto funzionamento dei servizi offerti e per migliorare l’esperienza d’uso delle applicazioni on-line; può contenere componenti multimediali di terze parti, i quali possono generare a loro volta cookies sui quali non è possibile avere controllo; consulta la nostra informativa